• Consumare latte non aumenta il colesterolo

    Una recente meta-analisi ha evidenziato che il consumo di latte è associato a un più elevato BMI (Body Mass Index) ma a più bassi livelli di colesterolo. Alcune delle spiegazioni per i livelli di colesterolo più bassi in risposta all’assunzione elevata di latte sono le seguenti: In primo luogo, è stato dimostrato che calcio e lattosio nel latte influenzano il metabolismo lipidico, dove il lattosio alimentare può influenzare la lipemia aumentando l’assorbimento del calcio e che nell’uomo la somministrazione di una quantità elevata di lattosio determina una diminuzione del contenuto di colesterolo. In secondo luogo, rispetto ad altri prodotti lattiero-caseari, il latte è generalmente più povero di grassi ed è…

  • Un maggiore consumo di uova non aumenta il rischio cardiovascolare

    Mentre le uova forniscono una ricca fonte di nutrienti, il loro considerevole contenuto di colesterolo ha generato l’ipotesi che un maggiore consumo di uova potrebbe mettere le persone a rischio di esiti cardiovascolari negativi. Questa ipotesi è stata controversa, con diverse linee guida che adottavano approcci divergenti sull’assunzione di uova. Una recente meta-analisi di 23 studi prospettici (inclusi oltre 1,4 milioni di individui) ha esplorato l’associazione complessiva tra consumo di uova e malattie cardiovascolari. I risultati indicano che un maggiore consumo di uova (definito come uno o più uova al giorno) non è associato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari o di ictus e che un maggiore consumo…

  • La tecnologia della Realtà Aumentata a disposizione degli studenti di Odontoiatria della Scuola di Medicina dell’Università Federico II di Napoli

    La tecnologia della Realtà Aumentata è a disposizione degli studenti di Odontoiatria della Scuola di Medicina dell’Università Federico II di Napoli. Entra in funzione a pieno regime l’aula per esercitazioni pratiche per gli studenti del Corso di Laurea magistrale in Odontoiatria e Protesi Dentaria dell’ateneo. L’aula didattica è tra le più tecnologicamente avanzate d’Europa ed è la più grande d’Italia. Con 46 postazioni odontoiatriche con altrettanti pazienti robot, questo laboratorio ad alta tecnologia è unico in Italia per le tecnologie impiegate, il terzo per importanza a livello europeo. Ciascuna delle postazioni è attrezzata con uno schermo ad alta definizione e manichini-robot che riproducono fedelmente la bocca di un paziente. “La…

  • IL MONDO POTREBBE TOCCARE +1,5°C IN UNO DEI PROSSIMI 5 ANNI SE NON VERRANNO PRESE MISURE URGENTI PER RIDURRE LE EMISSIONI

    La temperatura media globale ha circa il 40% di possibilità di raggiungere temporaneamente un innalzamento di 1,5°C in almeno uno dei prossimi cinque anni, secondo un nuovo report sul clima pubblicato dall’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO). Almeno un anno tra il 2021-2025 ha una probabilità del 90% di diventare il più caldo in assoluto, il che scalzerebbe il 2016 dalla prima posizione, secondo il Met Office del Regno Unito, principale centro WMO per tali previsioni. Nel 2020 la temperatura media globale è stata di +1,2 °C sopra la soglia del periodo pre-industriale. Si è anche evidenziata l’accelerazione degli indicatori del cambiamento climatico come l’aumento del livello del mare, lo scioglimento dei…

  • Conoscere e gestire i sintomi dell’infiammazione

    Ovidio Brignoli, Medico di Medicina Generale e Vicepresidente SIMG (Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie) e Carolina Carosio, Farmacista e Presidente Giovani Farmacisti FENAGIFAR, hanno parlato di come sia molto diffusa la “patologia infiammatoria” tra la popolazione. Anche per l’infiammazione in generale, che in se rappresenta un fenomeno di difesa dell’organismo, si può affermare che non sempre sia positiva. Piccoli e grandi accorgimenti possono ridurre la persistenza di condizioni pro-infiammatorie, attraverso l’adozione di misure che impediscano posture errate, piccoli traumi muscolari ed articolari. Anche lo stile di vita, l’alimentazione e lo stress sono fattori che possono contribuire a sostenere una situazione infiammatoria sottostante. Attraverso abitudini sane, una dieta corretta, a base di alimenti…

  • L’ISTITUTO EUROPEO DIPENDENZE (IEUD) LANCIA IL SITO DIPENDENZADAALCOL.IT

    Seppur legale, l’alcol è una potente droga che può determinare dipendenza. Il suo consumo è poi connesso ad una grandissima varietà di problemi sanitari fisici e psichici (lesioni, disturbi mentali o comportamentali, patologie gastrointestinali, cardiovascolari, dell’apparato scheletrico, del sistema immunitario, dell’apparato riproduttivo, tumori e danni prenatali) in misura proporzionale alla dose ingerita. L’Istituto Europeo Dipendenze (IEUD), interpretando i dati allarmanti diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità, secondo i quali la pandemia ha fatto impennare fino al 250% il consumo di alcol in casa, lancia un sito verticale con informazioni dettagliate per far fronte a questa dipendenza: all’interno del sito dipendenzadaalcol.it, si trova un questionario di autovalutazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, elaborato per l’identificazione dei…

  • Edizioni Scripta Manent è Media Partner di NutriMi 2021

    Diete più sane e “sostenibili” – L’insostenibile obesità Mauro Serafini, Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali, Università di Teramo e Consigliere del Direttivo SISA (Società Italiana di Scienze dell’Alimentazione), ha sottolineato al Convegno l’importanza di adottare una dieta che pensi in un’ottica di salute-uomo e salute-pianeta, due binomi sempre più legati tra loro. Da un punto di vista ambientale e salutistico, l’aumento esponenziale del consumo di alimenti ultra-processati ha portato ad un incremento generalizzato dell’apporto calorico con regimi nutrizionalmente sbilanciati, responsabili dell’”epidemia” sia dell’obesità, sia delle patologie correlate, che impattano anche sull’ambiente. Per quanto riguarda la nostra salute, ogni volta che consumiamo un pasto ad alto contenuto energetico…

  • Nutraceutici e prevenzione delle infezioni virali, compreso COVID-19, nella popolazione pediatrica

    In una recente revisione della letteratura sono state riassunte le evidenze che supportano il ruolo dei nutraceutici (probiotici, prebiotici, resveratrolo, esperidina, quercetina, lattoferrina, zinco, omega-3, vitamine A, C, D e K) nella prevenzione nei bambini delle infezioni virali, con particolare riguardo a SARS-CoV-2. Fonte:Giuseppe Fabio Parisi, Giuseppe Carota, Carlo Castruccio Castracani, Mariarita Spampinato, Sara Manti, Maria Papale, Michelino Di Rosa, Ignazio Barbagallo, Salvatore Leonardi. Nutraceuticals in the Prevention of Viral Infections, including COVID-19, among the Pediatric Population: A Review of the Literature. Int J Mol Sci. 2021 Feb 28;22(5):2465

  • Progetto Mimosa: un aiuto per le donne vittime di violenza

    Un aiuto concreto nelle farmacie italiane per le donne vittime di violenza. Federfarma, Farmaciste insieme e Fondazione Vodafone Italia promuovono il Progetto Mimosa, campagna antiviolenza avviata nel 2014, che quest’anno si arricchisce dell’app Bright Sky, utile strumento informativo per supportare le donne vittime di violenza domestica. Il progetto Mimosa ha una forte valenza sociale, soprattutto nel perdurare dell’emergenza legata alla pandemia che spesso limita, per le donne in difficoltà, le possibilità di chiedere aiuto all’esterno. La scelta di coinvolgere le farmacie nasce dalla consapevolezza che esse, grazie alla capillarità diffusa sul territorio, sono molto spesso il primo punto di informazione a cui le donne si rivolgono per avere supporto. Una…