• Fimp, dalla dieta mediterranea un aiuto contro sviluppo di molte patologie

    Nel corso del XIV Congresso nazionale Fimp (Federazione Italiana Medici Pediatri),  Raffaella De Franchis ha presentato i risultati di uno studio recentemente  condotto dal gruppo  Alimentazione e Nutrizione della Fimp  da cui “emerge con forza l’importanza della dieta mediterranea, per il benessere complessivo del bambino, ma anche per evitargli lo sviluppo di patologie come la celiachia o il morbo di Crohn e altre malattie infiammatorie croniche come diabete, obesità, malattie degenerative e tumori, tutte patologie in drammatico aumento nei bambini. Un approccio che interviene inoltre nel determinare la costituzione del microbioma intestinale corretto, quello che la persona si porterà avanti tutta la vita“. “La dieta mediterranea – ha aggiunto Mattia…

  • La carenza di vitamina D può aumentare il rischio di COVID-19

    Un recente studio retrospettivo ha mostrato che gli individui che sono carenti di vitamina D possono essere a maggior rischio di contrarre il coronavirus rispetto a quelli con sufficienti livelli. La vitamina D è importante per la funzione del sistema immunitario; gli integratori di vitamina D hanno già dimostrato di ridurre il rischio di infezioni virali del tratto respiratorio. Fonte:David O Meltzer,  Thomas J Best , Hui Zhang, et al.Association of Vitamin D Status and Other Clinical Characteristics With COVID-19 Test Results.  JAMA Netw Open. 2020 Sep 1;3(9):e2019722.

  • pexels-photo-4031867.jpeg

    Vaccinazione antinfluenzale e COVID-19

    Nella popolazione italiana, il tasso di copertura della vaccinazione antinfluenzale nelle persone di età pari o superiore a 65 anni è associato a una ridotta diffusione e ad un’espressione clinica meno grave di COVID-19. Questi dati sembrano sostenere il concetto che la vaccinazione contro un microrganismo possa influenzare la risposta dell’ospite ad altri agenti infettivi. Fonte:Amato M, Werba JP, Frigerio B, et al.Relationship between Influenza Vaccination Coverage Rate and COVID-19 Outbreak: An Italian Ecological Study. Vaccines (Basel). 2020 Sep 16;8(3):E535. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32947988/

  • Micronutrienti e COVID-19

    E’ ben chiaro che i micronutrienti (vitamine e sali minerali) non curano l’infezione COVID-19, ma l’OMS ricorda che i micronutrienti, come le vitamine D e C e lo zinco, sono fondamentali per il buon funzionamento del sistema immunitario e svolgono un ruolo di grande importanza nel promuovere la salute e il benessere nutrizionale. Fonte:https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/advice-for-public/myth-busters

  • Contro COVID-19 oltre alla mascherina anche gli occhiali

    L’uso di occhiali potrebbe essere protettivo contro COVID-19.Infatti indossare occhiali riduce al minimo il contatto con gli occhi, diminuendo così potenzialmente la trasmissione del virus. FonteW Zeng, X Wang, J Li, Y Yang, X Qiu, P Song, J Xu, Y Wei.Association of Daily Wear of Eyeglasses With Susceptibility to Coronavirus Disease 2019 Infection. JAMA Ophthalmol. 2020 Sep 16;e203906.

  • Linee guida canadesi: obesità malattia cronica complessa

    L’obesità è una malattia cronica complessa in cui il grasso corporeo anomalo o in eccesso (adiposità) danneggia la salute, aumenta il rischio di complicazioni mediche a lungo termine e riduce la durata della vita. L’eccessiva adiposità, infatti, può predisporre l’individuo allo sviluppo di molte complicazioni mediche, come: • Diabete di tipo 2; • Malattia della colecisti; • Steatosi epatica non alcolica; • Gotta. Il grasso corporeo in eccesso è un’importante fonte di adipocitochine e di mediatori dell’infiammazione che possono alterare il metabolismo del glucosio e dei grassi, causando un aumento dei rischio cardiometabolico e di cancro, e riducendo quindi di 6-14 anni l’aspettativa di vita. L’obesità aumenta il rischio dei…

  • Covid-19: Le direttive del Ministero della Salute per i viaggiatori

    Le regole per i viaggi sono diverse a seconda dello Stato di provenienza o destinazione e delle motivazioni degli spostamenti.Le misure per contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19 sono state prorogate fino al 7 settembre dal DPCM 7 agosto 2020, che individua sei elenchi di Paesi. Spostamenti da/per Paesi extra UE senza obbligo di motivazione:Australia, Canada, Georgia, Giappone, Nuova Zelanda, Ruanda, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia, Uruguay Spostamenti da/per Paesi extra UE con obbligo di motivazione:Resto del mondo Non è permesso l’ingresso in Italia da:Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana. Per maggiori informazioni visita questo link

  • Fumo e Covid-19: qualcosa è cambiato

    Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il fumo di tabacco rappresenta la seconda causa di morte nel mondo, stima che il consumo di tabacco uccida 8 milioni di persone l’anno ed è probabile che il numero di morti possa aumentare. Nel mondo si stima che il fumo passivo provochi 603.000 morti premature (28% bambini, 26% uomini e 47% donne) e la perdita di 10,9 milioni (61% per i bambini, 16% per gli uomini e 24% per le donne) di anni di vita in buona salute. In Italia vengono consumati circa 72 miliardi di sigarette all’anno, i mozziconi sono il rifiuto più raccolto sulle spiagge di tutto il mondo, impiegano dai 2…

  • Le acque di scarico possono essere un indicatore dei focolai epidemici di Covid-19

    L’RNA del virus Sars-Cov-2 può essere rilevato nelle acque di scarico, permettendo quindi di usare questo tipo di campionamenti come spia della presenza di un focolaio epidemico. Lo suggerisce uno studio condotto a Roma e Milano dal gruppo guidato da Giuseppina La Rosa del Reparto di Qualità dell’Acqua e Salute Del Dipartimento Ambiente e Salute dell’Istituto Superiore di Sanità, In 2 campioni raccolti nella rete fognaria della zona Occidentale e Centro-orientale di Milano è stata confermata la presenza di RNA del nuovo coronavirus e a Roma, lo stesso risultato positivo è stato riscontrato in tutti i campioni prelevati nell’area orientale della città.  Luca Lucentini, Direttore del Reparto di Qualità dell’Acqua e Salute…

  • Come si preparano le marmellate per evitare il rischio del botulismo? Risponde l’Istituto Superiore di Sanità

    Le marmellate e le confetture non sono pericolose per il botulismo in quanto la frutta è generalmente acida e il quantitativo di zucchero utilizzato inibisce il botulino. La ricetta più sicura è quella che prevede un’uguale quantità di frutta e zucchero. Se si desidera utilizzare meno zucchero è opportuno usare quantitativo non inferiore a 750g di zucchero per ogni kg di frutta.E’ possibile, ridurre il quantitativo di zucchero aggiungendo alla preparazione le pectine (facilmente reperibili in commercio) poichè questi prodotti contengono conservanti.Per i tempi di cottura dipende da diversi fattori (quantitativo di frutta, grado di maturazione ecc) e comunque non è la cottura che elimina il rischio botulismo. Fonte:ISS: Alimentazione,…