Tisane ed infusi: un piacevole supporto all’idratazione

Arrigo F.G. Cicero
Presidente Società Italiana di Nutraceutica(SINut)

Il nostro corpo è costituito per più del 50% da acqua e quasi tutte le funzioni del nostro organismo sono mediate da acqua.
È quindi semplice capire come per digerire bene, per andare di corpo regolarmente, per eliminare scorie con le urine, per mantenere un’adeguata sensazione di energia e vitalità, per sostenere il tono e la luminosità della pelle… è necessario idratarsi a sufficienza!

Non per nulla, salvo casi molto particolari, tutti dovremmo bere almeno 1.5-2 litri di acqua al giorno , di più se svolgiamo attività fisica lavorativa o ricreativa intensa che ci porti a sudare molto.
In teoria dovrebbe essere semplice idratarsi a sufficienza ma in pratica non lo è. Se è vero che nel periodo estivo si perde molta più acqua con la sudorazione (e che i locali chiusi sono artificialmente deumidificati), è anche vero che in inverno gli ambienti in cui viviamo e lavoriamo sono molto riscaldati e secchi. D’altra parte, la fretta spesso ci fa assumere cibi asciutti (es.: panini, pasta) e consumare liquidi solo ai pasti principali.

Inoltre, esistono persone che hanno scarsa sensibilità alla sete, alcuni dalla nascita, altri per motivi legati all’età, ad alcune malattie dell’apparato digerente o del sistema nervoso, o a causa di alcuni farmaci. In tutti questi casi è necessario trovare stratagemmi che facilitino l’assunzione di liquidi.

In questo contesto emerge un potenziale ruolo per le tisane. In prima battuta, la tisana ha un sapore specifico, e modulabile a seconda del gusto  di chi la assume: può essere tendenzialmente amara, dolce, acida, delicata o intensa, profumata o meno…

La soddisfazione del palato e dell’olfatto possono di per sé costituire un’ottima spinta all’idratazione, anche di chi non è usualmente abituato a bere fuori pasto. Inoltre le tisane possono apportare sostanze attive derivate dalle piante medicinali con diverse funzioni positive sull’organismo, ancora una volta da scegliere sulla base di quanto utile alla singola persona.

C’è quindi chi preferirà tisane più digestive  contenenti menta, liquirizia e genziana, chi tisane che aiutano a sgonfiare l’addome  contenenti finocchio o anice, chi tisane drenanti  a base di betulla, ortosiphon ed equiseto, chi tisane rilassanti contenenti camomilla, lavanda e melissa, oppure tisane toniche  contenenti eleuterococco e cola… Calde o fredde , a seconda del gusto personale e del clima esterno… Insomma, una possibilità di scelta sartoriale!

Quindi, l’assunzione regolare di tisane funzionali, oltre che un momento di piacevole attenzione a sé stessi, può rappresentare un investimento sulla propria salute , facilitando in particolare il mantenimento di un’adeguata idratazione, con tutte le conseguenze positive che questo può avere sul nostro organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *