• Ridurre la pressione del sangue senza farmaci

    Arrigo F.G. CiceroCentro Ricerche Ipertensione e Rischio Cardiovascolare.Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Alma Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna – Presidente SINut. Il moderno approccio pre-farmacologico alla prevenzione e alla gestione dell’ipertensione arteriosa, dovrebbe essere “multitarget” e suggerire il miglioramento del peso corporeo, la qualità della dieta ed eventualmente l’inclusione di alcuni integratori alimentari. Il miglioramento dello stile di vita è una pietra angolare della prevenzione delle malattie cardiovascolari e ha un effetto rilevante sul controllo della pressione sanguigna. Le attuali Linee Guida internazionali sottolineano come sia importante implementare un approccio dietetico per fermare l’ipertensione (soprattutto attraverso la dieta DASH e una dieta mediterranea iposodica), per ottenere i…

  • Nella dieta, meglio le proteine animali, o vegetali?

    Le proteine svolgono un ruolo cruciale nel metabolismo, nel mantenimento dell’equilibrio dei liquidi, nella regolazione acido-base del nostro organismo e nella sintesi degli anticorpi. Le proteine alimentari sono importanti nutrienti e si possono classificare in: proteine animali (contenute in: carne, pesce, pollame, uova e latticini) proteine vegetali (presenti in: legumi, noci e soia). La modificazione della dieta è uno dei più importanti cambiamenti dello stile di vita, che ha dimostrato di ridurre significativamente il rischio di malattie cardiovascolari, attenuando altri fattori di rischio correlati.Alla luce dei dati disponibili, è diventato accettabile enfatizzare il ruolo di un’alimentazione ottimale per mantenere la salute delle arterie e dell’apparato cardiovascolare. Si ritiene che tali…

  • Riso rosso fermentato per l’ipercolesterolemia

    Quando il riso viene cotto a vapore con il lievito Monascus purpureus fermenta, creando un pigmento rosso che contiene monacolina. La monacolina K ha una struttura chimica simile alla lovastatina. In effetti, i produttori di lovastatina hanno fatto causa per impedire la commercializzazione del riso rosso fermentato (RYR), ma hanno perso perché la natura ha prodotto questa sostanza chimica molto prima dell’industria delle statine. Una recente rassegna esamina il ruolo del riso rosso fermentato, il nutraceutico più efficace per abbassare il colesterolo. Il consumo quotidiano si traduce in una riduzione del colesterolo LDL dal 15% al 25% entro 6-8 settimane a causa del suo lieve effetto come inibitore della 3-idrossi-3-metil-glutaril-coenzima…

  • Più verdure per ridurre i livelli di globuli bianchi ed altri markers infiammatori

    Un recente studio ha evidenziato che livelli più elevati di globuli bianchi, linfociti e basofili erano tutti significativamente correlati ad una minore assunzione abituale di verdure. È stato inoltre rilevato che il 20,00% dell’effetto dell’assunzione di vegetali sulla conta dei linfociti era mediato da un genere batterico, Collinsella, noto per aumentare con l’assunzione di alimenti trasformati (cibi che sono stati appositamente modificati in qualche modo prima del consumo; includono i cibi che sono stati cucinati, inscatolati, congelati, confezionati o cambiati in composizione nutrizionale con fortificazioni, conservanti o preparati in modi diversi) e precedentemente associato alla malattia del fegato grasso. Una dieta abituale ricca di verdure, ma non frutta, è legata a…

  • Diabete di tipo 2: Tè verde e caffè riducono la mortalità

    Un recente studio prospettico, condotto in Giappone, ha evidenziato che un maggiore consumo di tè verde e caffè era associato a una ridotta mortalità per tutte le cause: il loro effetto combinato sembrava essere additivo nei pazienti con diabete di tipo 2. Fonte:Yuji Komorita , Masanori Iwase, Hiroki Fujii, et al. Additive effects of green tea and coffee on all-cause mortality in patients with type 2 diabetes mellitus: the Fukuoka Diabetes Registry.

  • La dieta per l’acne in breve

    Un recente studio condotto da ricercatori italiani ha indicato quali sono gli alimenti da evitare e da assumere nell’acne. Alimenti da evitare in ordine di importanza: Latticini. Alimenti con elevati carico e indice glicemico. Questi sono principalmente zuccheri privi di fibre e includono caramelle, pane e altri prodotti da forno a base di farina bianca, riso, succhi di frutta, soda e alimenti trasformati. Grassi saturi da carne rossa in eccesso e cibi fritti. Cioccolato. Sebbene non sia un alimento, lo stress mentale è anche un noto fattore scatenante dell’acne. La situazione peggiora se mangiamo i cibi di cui sopra quando siamo sotto stress (alimentazione stressante). Alimenti da mangiare per evitare…

  • Il ferro, risorsa fondamentale per la lotta contro l’anemia

    In Italia la mancanza di ferro interessa 3 persone su 10, soprattutto donne. In particolare, nelle donne in gravidanza, comporta un rischio maggiore di morte e malattie per la madre e per il feto. In tutto il mondo, l’anemia colpisce mezzo miliardo di donne in età riproduttiva. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riconosce l’anemia come problema di salute pubblica a livello globale e punta ad una riduzione del 50% tra le donne in età fertile, entro il 2025. L’anemia nelle donne in età riproduttiva è una delle principali sfide per la salute pubblica, con un impatto a lungo termine sulla loro salute, su quella dei loro figli e sullo sviluppo…

  • La vitamina D nei sintomi del tratto urinario inferiore (LUTS)

    Spesso non pensiamo che la vitamina D possa avere un’influenza sui sintomi del tratto urinario inferiore (LUTS). Una recente meta-analisi fornisce indicazioni di come migliorare questi sintomi con un trattamento sicuro e poco costoso. La vitamina D è più un ormone che una vitamina, con recettori presenti in tutto il corpo, in particolare nella muscolatura della vescica, dell’uretra, della prostata e del pavimento pelvico. Diversi studi dimostrano che i livelli di vitamina D sono inversamente associati alle dimensioni della prostata e alla crescita delle sue  cellule. Gli autori hanno esaminato i LUTS sia negli uomini che nelle donne e hanno scoperto che la vitamina D ha un effetto maggiore sui…