• Nuove ricerche confermano il prezioso ruolo delle mandorle per la salute del cuore

    Le mandorle sono riconosciute da molto tempo come un alimento alleato della salute, oltre che particolarmente versatile. Più di 185 studi sostengono i loro effetti benefici in diverse àmbiti di utilizzo, tra i quali la gestione del peso corporeo, lo sviluppo cognitivo, il senso di sazietà, il diabete. Durante questo periodo di pandemia da SARS-CoV, l’attenzione e la preoccupazione sono rivolte ai problemi strettamente correlati all’infezione, ma anche alle misure contro l’obesità ed a quelle a tutela della salute del cuore, alle quali le mandorle possono contribuire.  Studi recenti suggeriscono infatti che le mandorle possono apportare ancora più benefici di quanto si pensasse in origine.  Secondo quanto rilevato da Innova…

  • honey on white bowl

    Il miele per le infezioni delle vie aeree superiori

    L’arte della medicina consiste nel divertire il paziente mentre la natura cura la malattia. (Voltaire) La prescrizione di antibiotici è percepita dai genitori come un potente trattamento per il loro bambino, anche se il trattamento è inappropriato e non funziona per le infezioni virali. Se un prodotto come il miele è poco costoso e sicuro, con prove di benefici terapeutici, allora dovrebbe essere incoraggiato. Una precedente revisione Cochrane aveva già riscontrato  i benefici del miele nei bambini con tosse, ma questa revisione sistematica più recente voleva valutare se avesse effetto anche su gli altri sintomi in tutte le fasce d’età. Sono stati esaminati quattordici studi con comparazioni rispetto al placebo.…

  • L’Uncaria utile nella prevenzione dei sintomi associati a COVID-19

    Il numero di pazienti COVID-19 è ancora in crescita esponenziale in tutto il mondo a causa dell’elevata trasmissibilità del virus SARS-CoV-2. In questa revisione, vengono discussi alcuni integratori che potrebbero svolgere un ruolo nella profilassi o nel miglioramento dei sintomi associati a COVID-19. L’Uncaria tomentosa  possiede alcaloidi indolo e ossindolo, glucosinolati, flavonoidi, steroli, carboline e acidi grassi polinsaturi, che conferiscono attività immunostimolanti, antiossidanti e antinfiammatorie. Queste sostanze, pertanto, potrebbero fornire un ruolo benefico nella prevenzione o nel miglioramento dei sintomi associati a COVID-19. Fonte:Ferreira AO, Polonini HC, Dijkers ECF. Postulated Adjuvant Therapeutic Strategies for COVID-19. J Pers Med. 2020 Aug 5;10(3):E80.

  • Mangiare moderatamente cioccolato una volta alla settimana protegge il cuore

    Una metanalisi condotta da ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston (Texas) ha  recentemente evidenziato che mangiare cioccolato almeno una volta settimana riduce dell’8%  il rischio di malattia coronarica (CAD). L’effetto protettivo sarebbe conseguente alle molte sostanze benefiche contenute nel cacao, tra le quali le metilxantine, i flavonoidi, i polifenoli e l’acido stearico. Fonte:Chayakrit Krittanawong, Bharat Narasimhan,Zhen Wang, Joshua Hahn, Hafeez Ul Hassan Virk, Ann M Farrell, HongJu Zhang, Wh Wilson Tang. Association between chocolate consumption and risk of coronary artery disease: a systematic review and meta-analysis. Eur J Prev Cardiol. 2020 Jul 22; 2047487320936787.

  • Le mandorle possono migliorare gli indici di salute vascolare

    Un recentissimo studio ha evidenziato che mangiare mandorle al posto degli snack tipici (come patatine, biscotti e pasticcini) è benefico per la salute del cuore, riducendo i livelli di colesterolo LDL e migliorando la salute delle arterie. Sulla base dei dati esistenti sul rischio di malattie cardiovascolari, si prevede che la sostituzione di snack tipici con mandorle, a lungo termine comporterebbe una riduzione del 30% del rischio relativo corretto di un evento cardiovascolare. Il rischio relativo corretto è la probabilità che un evento accada a una persona rispetto a un’altra persona che non si impegna nella prevenzione delle malattie, ad esempio attraverso un cambiamento nella dieta. Fonte:Dikariyanto V, Smith L,…

  • Chimica, farmacologia e nuove tendenze nelle bevande funzionali

    Il consumo di bevande funzionali e contenenti sostanze con proprietà medicinali svolge un ruolo importante nella salute umana, considerando che i loro metaboliti, con una vasta gamma di effetti farmacologici, sono inseriti nella dieta umana. Oggi le bevande più consumate sono ottenute dalle foglie di Camellia sinensis e dalla lavorazione del chicco di caffè e contengono diverse classi di polifenoli e acidi fenolici nella loro composizione fitochimica. Numerose piante hanno ricevuto attenzione a causa della loro composizione fitochimica e degli effetti farmacologici, come yerba mate, ibisco, camomilla, finocchio e menta. Inoltre, estratti di piante medicinali possono essere impiegati in molte formulazioni di bevande e tisane ed il consumo di questi prodotti è un eccellente…

  • Attività antiossidante ed anti-obesità della moringa

    La Moringa oleifera è ricca di sostanze nutritive, come proteine, vitamine e sostanze fitochimiche. In questo studio, estratti di foglie di Moringa oleifera provenienti da diverse regioni di coltivazione (Corea del Sud e Cambogia) hanno chiaramente evidenziato le loro attività antiossidanti e antiobesità. Fonte:Da-Song Kim, Moon-Hee Choi, Hyun-Jae Shin.Extracts of Moringa Oleifera Leaves From Different Cultivation Regions Show Both Antioxidant and Antiobesity ActivitiesJ. Food Biochem. 2020 May 20; e13282. doi: 10.1111/jfbc.13282. Applicazioni pratiche Queste proprietà sono importanti per il trattamento della la sindrome metabolica per la cui diagnosi è necessaria la coesistenza di almeno tre fattori di rischio cardiovascolare alterati: Circonferenza vita: (>102 cm uomo o >88 cm donna) Pressione arteriosa: (pressione sistolica ≥ 130 mmHg e diastolica ≥ 85 mmHg)…

  • L’importanza del microbiota intestinale nella prognosi dei tumori del colon

    La Prof. Laurence Zitvogel (Gustave Roussy Cancer Campus (GRCC), Villejuif, France.) riferendosi a un ampio studio che ha visto la partecipazione di numerosi ricercatori, anche italiani, ha sottolineato  l’importante ruolo dell’ileo nella prognosi dei tumori del colon e, in particolare, del microbiota ileale. La Nutraceutica insegna che i probiotici sono microorganismi vivi appartenenti a specifici ceppi di batteri lattici (i più importanti appartengono ai ceppi Lactobacillus e Bifidobacterium) in grado di colonizzare positivamente l’intestino. Fonte: Perticone M, Suraci E, Perticone F. Probiotici in Trattato Italiano di Nutraceutica clinica, a cura di Cicero AFG, Edizioni Scripta Manent, Milano 2019 

  • La supplementazione con vitamina D potrebbe ridurre il rischio di influenza e di infezione e morte da COVID-19

    Il mondo è in preda alla pandemia di COVID-19. Oltre alla quarantena sono disperatamente necessarie misure di sanità pubblica in grado di ridurre il rischio di infezione e morte. Questo articolo esamina: i ruoli della vitamina D nel ridurre il rischio di infezioni del tratto respiratorio, la conoscenza dell’epidemiologia dell’influenza e del COVID-19 e come l’integrazione con vitamina D potrebbe essere una misura utile per ridurre il rischio. La vitamina D può ridurre il rischio di infezioni attraverso diversi meccanismi. Tali meccanismi includono: l’induzione di catelicidine e defensine che possono abbassare i tassi di replicazione virale e ridurre le concentrazioni di citochine pro-infiammatorie responsabili della polmonite, l’aumento delle concentrazioni di…

  • I Nutraceutici nel controllo della pressione arteriosa. La posizione della Società Europea dell’Ipertensione Arteriosa (European Society of Hypertension, ESH)

    La pressione arteriosa normale – alta è associata ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari, tuttavia il rapporto costi-benefici dell’uso del trattamento antiipertensivo in questi pazienti non è ancora chiaro. Alcuni componenti dietetici e prodotti naturali sembrano essere in grado di ridurre significativamente la pressione arteriosa senza effetti collaterali significativi. Lo scopo di questo position document è quello di evidenziare quali di questi prodotti abbiano effetto antipertensivo clinicamente significativo e se potrebbero essere suggeriti a pazienti con valori di pressione arteriosa normali. Tra gli alimenti, il succo di barbabietola ha le prove più convincenti riguardo ad un’azione antipertensiva. Bevande ricche di antiossidanti (tè, caffè) potrebbero essere prese in considerazione. Tra…