Bere più tè riduce il rischio di mortalità

Utilizzando i dati della UK Biobank, un recente studio di coorte che ha coinvolto 498.043 adulti di età compresa tra 40 e 69 anni ha valutato l’associazione del consumo di tè con la mortalità per tutte le cause e per causa specifica.

Durante un follow-up mediano di 11,2 anni, gli individui che hanno bevuto 2 o più tazze di tè al giorno hanno avuto rischi di mortalità per tutte le cause inferiori rispetto a quelli che non hanno bevuto tè, indipendentemente dalle variazioni genetiche nel metabolismo della caffeina. Inoltre, l’assunzione di tè era associata a un ridotto rischio di mortalità per malattie cardiovascolari, cardiopatia ischemica e ictus.

Fonte:
Maki Inoue-Choi ,et al. Tea Consumption and All-Cause and Cause-Specific Mortality in the UK Biobank : A Prospective Cohort Study. Ann Intern Med. 2022 Aug 30.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.