• Dieta vegana, cosa fare con il nostro cane e gatto

    Giacomo Biagi Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie, Università degli Studi di Bologna. Presidente della Società Italiana di Alimentazione e Nutrizione Animale (SIANA). La crescente adozione di un regime alimentare vegano da parte degli esseri umani è un dato di fatto, dettato da motivazioni etiche, religiose ed anche “comportamentali”. È altrettanto crescente, negli ultimi tempi, il numero di persone che convivono con “un quattro zampe”. L’adozione di un cane o di un gatto è un fenomeno in aumento, per motivi diversi e complessi, tra i quali la necessità di trovare in qualche modo una sorta di impegno consolatorio, in un periodo minato gravemente dalla pandemia. Come conciliare questi due aspetti, la scelta di seguire una…

  • ENI E SIAAIC PRESENTANO IL PROGETTO “PER FEDERICA”: UNA RETE PER L’ALLERGIA ALIMENTARE

    Eni e SIAAIC (Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica) hanno presentato il progetto “Per Federica”: una rete per l’allergia alimentare, allo scopo di informare, formare e sensibilizzare operatori di esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande in merito alle allergie. Il progetto coinvolgerà ristoratori, barman e operatori del settore attraverso le associazioni di categoria locali.  Il progressivo incremento delle persone che mangiano fuori casa, il forte sviluppo del delivery service, il crescente aumento delle intolleranze alimentari e delle allergie alle sostanze contenute nei cibi rende sempre più importante un’adeguata formazione e consapevolezza da parte non solo dei ristoratori ma anche della popolazione. È questo lo scenario in…

  • I grassi del latte proteggono la salute cardiovascolare

    Molte linee guida dietetiche raccomandano di limitare il consumo di grassi da latte al fine di ridurre l’assunzione di grassi saturi e il rischio di malattie cardiovascolari (CVD). Tuttavia, prove crescenti suggeriscono che l’impatto sulla salute dei latticini dipende più dal tipo (ad es. formaggio, yogurt, latte e burro) piuttosto che dal contenuto di grassi, il che ha sollevato dubbi sul fatto che evitare i grassi del latte sia benefico per la salute cardiovascolare. I latticini sono una delle principali fonti di nutrienti e il loro consumo è in aumento in tutto il mondo; quindi, è importante approfondire la nostra comprensione dell’impatto del grasso del latte sul rischio di malattie…

  • A POCHISSIMI GIORNI DAL PRE-VERTICE FOOD ALLA FAO DI ROMA IL WWF LANCIA REPORT SUL PIANETA “ALLEVATO”

    “URGENTE RIPENSARE IL SISTEMA ALIMENTARE GLOBALE A PARTIRE DAGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI”   •  Il 70% della biomassa degli uccelli del pianeta è pollame da allevamento. Solo il 30% è costituito da specie selvatiche •   Il 60% della biomassa dei mammiferi sul pianeta è costituito da bovini e suini da allevamento, il 36% da umani e appena il 4% da mammiferi selvatici  • Allevamenti intensivi da soli responsabili del 14,5% delle emissioni totali di gas serra e il 40% dei terreni è coltivato per la produzione di mangimi.   • Il 75% delle malattie emergenti è di origine zoonotica. La campagna WWF #Food4Future per ridurre drasticamente il consumo di carne e chiedere maggiore trasparenza di etichette e maggiori regole per allevamenti…

  • Consigli DOC: I cibi ultra-lavorati e un gozzo fastidioso

    Con l’ultimo numero di Salutepertutti.it, è nata la nuova rubrica “Consigli DOC”, nella quale i nostri lettori possono scriverci i loro dubbi per essere guidati ad acquisire le informazioni utili a compiere scelte più consapevoli sui loro problemi e ad intraprendere azioni volte a proteggere e promuovere la propria salute e benessere.Aspettiamo le vostre e-mail a questo indirizzo: info@salutepertutti.it No ai cibi ultra-lavorati Sono una nonna di ben otto nipotini di varia età (da tre figli) e mi sento sconfitta dal fatto che disdegnano i miei tentativi di cucinare per loro ricette della tradizione a favore di cibi strani e moderni, come convincerli? Effettivamente, è dimostrato che consumare cibi ultralavorati (detti anche…

  • Questionario tratto da Proust

    Il mio principale pregio, rispetto all’alimentazione in generale Sono sempre stata una brava cuoca, amo molto cucinare e mangiare. Insieme a papà (Lino Banfi), da qualche anno abbiamo aperto un ristorante a Roma, dove cuciniamo solo orecchiette e altri prodotti pugliesi genuini. Rispetto al mio lavoro di attrice, è stato un cambio di vita che mi da molte soddisfazioni. 2. Il mio principale difetto, rispetto all’alimentazione in generale Non so resistere agli aperitivi e a tutti quegli assaggini salati che ti servono insieme a un buon bicchiere di vino. E’ il mio “sgarro” preferito. 3. La mia occupazione, tra un pasto e l’altro Mi piace riadattare i mobili di casa…

  • Un maggiore consumo di uova non aumenta il rischio cardiovascolare

    Mentre le uova forniscono una ricca fonte di nutrienti, il loro considerevole contenuto di colesterolo ha generato l’ipotesi che un maggiore consumo di uova potrebbe mettere le persone a rischio di esiti cardiovascolari negativi. Questa ipotesi è stata controversa, con diverse linee guida che adottavano approcci divergenti sull’assunzione di uova. Una recente meta-analisi di 23 studi prospettici (inclusi oltre 1,4 milioni di individui) ha esplorato l’associazione complessiva tra consumo di uova e malattie cardiovascolari. I risultati indicano che un maggiore consumo di uova (definito come uno o più uova al giorno) non è associato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari o di ictus e che un maggiore consumo…

  • Edizioni Scripta Manent è Media Partner di NutriMi 2021

    Diete più sane e “sostenibili” – L’insostenibile obesità Mauro Serafini, Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali, Università di Teramo e Consigliere del Direttivo SISA (Società Italiana di Scienze dell’Alimentazione), ha sottolineato al Convegno l’importanza di adottare una dieta che pensi in un’ottica di salute-uomo e salute-pianeta, due binomi sempre più legati tra loro. Da un punto di vista ambientale e salutistico, l’aumento esponenziale del consumo di alimenti ultra-processati ha portato ad un incremento generalizzato dell’apporto calorico con regimi nutrizionalmente sbilanciati, responsabili dell’”epidemia” sia dell’obesità, sia delle patologie correlate, che impattano anche sull’ambiente. Per quanto riguarda la nostra salute, ogni volta che consumiamo un pasto ad alto contenuto energetico…

  • Alimentazione e pet

    Giacomo BiagiDipartimento di Scienze Mediche Veterinarie, Università degli Studi di Bologna.Presidente della Società Italiana di Alimentazione e Nutrizione Animale (SIANA) Se parliamo di alimentazione ottimale per i nostri pet, sicuramente si tratta di un tema affrontato da più parti, ma forse proprio gli innumerevoli pareri e consigli possono suscitare dubbi, da parte delle persone al momento della scelta, che per prima cosa può essere tra un mangime secco ed uno umido. Il confronto fra le due tipologie è assolutamente legittimo, ma innanzitutto, la prima cosa da tenere presente è che è bene scegliere mangimi di alta qualità. Nel complesso, il mangime secco è meno costoso perché contiene meno acqua e…

  • Il PANE

    Rosanna Supino (Presidente dell’Associazione Medica Ebraica (AME) Il pane nella Torah e nella pratica religiosa ebraica (Alberto Sermoneta-Bologna) Il pane è un simbolo in tutte le tradizioni religiose, in particolare in quella ebraica, sia nella tradizione scritta sia in quella orale nelle quali viene stabilito come e quando si mangia. Quando viene celebrato qualcosa di positivo ci sono sempre il vino, simbolo della gioia, e il pane, simbolo del benessere. Nel libro della Genesi, il re-sacerdote di Gerusalemme Melkitsedek (primo figlio di Noe) per ringraziare Abramo, lo benedice porgendogli pane e vino e, in un altro passo della Torah, Abramo corre incontro agli inviati divini e per manifestare la sua…