I Superfood

Maria Perticone
Medico Chirurgo Specialista in Medicina Interna.
Assegnista di Ricerca presso Università Magna Graecia di Catanzaro.
Presidente Sezione Regionale Calabria – Società Italiana dell’Obesità (SIO).

Negli ultimi anni sentiamo sempre più spesso parlare di superfood; ma sappiamo cosa sono realmente e quale sia il loro campo di utilizzo?

Il termine superfood  (letteralmente “supercibo”) si riferisce ad alcuni alimenti che hanno proprietà benefiche per la salute. Tali alimenti vengono anche definiti alimenti funzionali o nutraceutici, e sempre più frequentemente si reperiscono sugli scaffali del supermercato in risposta alla maggiore consapevolezza che i consumatori hanno rispetto al cibo. Il termine venne usato per la prima volta nel 1949 in un giornale canadese, nel quale si descrivevano alcune presunte qualità nutrizionali di un muffin.

Nel 2004 venne coniato il termine superfruit, una designazione riservata ad alcuni frutti con presunte proprietà benefiche e, successivamente, il termine di supergrain  riferito ai cereali con particolari proprietà nutrizionali.

Sebbene la richiesta di alimenti funzionali stia aumentando da parte dei consumatori, sempre più attenti alla qualità del cibo, al momento la comunità scientifica non si è espressa in maniera univoca in merito all’effettiva utilità dei superfood.

È per tale motivo che dal 2007 in Unione Europea, se non sostenuto da ricerche scientifiche accreditate e riconosciute, è stato proibito il commercio di superfood accompagnati da health claims (indicazioni su eventuali effetti benefici/terapeutici per la salute). Che il mercato dei superfood sia in costante crescita è testimoniato dal fatto che nel 2008 il gruppo superfruit è rientrato nella “top 10 ” delle tendenze globali.

L’attuale definizione di superfood si applica ad alimenti di origine vegetale con dimostrate – in maniera più o meno rigorosa – proprietà in grado di incidere in maniera positiva sulla qualità di vita e sulla prevenzione di alcune malattie.

I vantaggi di questi alimenti sembrano essere molti, attribuibili alle proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, energizzanti, ecc. possedute da questi alimenti.

I superfood possono essere introdotti nella nostra alimentazione sotto forma di semi, di estratti, di succhi, di tisane o di integratori.

La loro lista non è semplice da completare, dato che spesso se ne aggiungono altri man mano che si evidenziano particolari proprietà.
Qui sotto sono elencati quelli più diffusi e con una maggiore quantità di letteratura scientifica a supporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *