white ceramic mug filled with brown liquid on heart shaped coffee beans

Tre tazze di caffè al giorno proteggono il cuore e riducono il rischio di ictus

Anche se il caffè è tra le bevande più consumate al mondo, poco si sa dell’impatto a lungo termine del consumo regolare sulla salute cardiovascolare.

I risultati di un ampio studio (468.629 partecipanti), condotto presso il Vascular Centre, Semmelweis University, di Budapest (Ungheria), e comunicati dal Dr. Judit Simon al Congresso ESC 2021, suggeriscono che il consumo regolare di caffè è sicuro, poiché dopo un follow-up di 10-15 anni anche un’assunzione giornaliera elevata non è stata associata a esiti cardiovascolari avversi e mortalità per tutte le cause.

Inoltre, da 0,5 a 3 tazze di caffè al giorno erano indipendentemente associate a minori rischi di ictus, morte per malattie cardiovascolari e morte per qualsiasi causa.

Per esaminare i potenziali meccanismi sottostanti, i ricercatori hanno analizzato l’associazione tra l’assunzione giornaliera di caffè e la struttura e la funzione del cuore su un follow-up medio di 11 anni. Per questo, hanno utilizzato i dati di 30.650 partecipanti sottoposti a risonanza magnetica cardiaca (MRI), che è considerata il gold standard per la valutazione della struttura e della funzione cardiaca. L’analisi delle immagini ha indicato che rispetto ai partecipanti che non bevevano caffè regolarmente, i consumatori quotidiani avevano cuori di dimensioni più sane e meglio funzionanti. Ciò era coerente con l’invertire gli effetti dannosi dell’invecchiamento sul cuore.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.