Riso rosso fermentato per l’ipercolesterolemia

Quando il riso viene cotto a vapore con il lievito Monascus purpureus fermenta, creando un pigmento rosso che contiene monacolina.

La monacolina K ha una struttura chimica simile alla lovastatina.

In effetti, i produttori di lovastatina hanno fatto causa per impedire la commercializzazione del riso rosso fermentato (RYR), ma hanno perso perché la natura ha prodotto questa sostanza chimica molto prima dell’industria delle statine.

Una recente rassegna esamina il ruolo del riso rosso fermentato, il nutraceutico più efficace per abbassare il colesterolo. Il consumo quotidiano si traduce in una riduzione del colesterolo LDL dal 15% al 25% entro 6-8 settimane a causa del suo lieve effetto come inibitore della 3-idrossi-3-metil-glutaril-coenzima A reduttasi. Si verificano anche riduzioni proporzionali del colesterolo totale, del colesterolo non HDL, dell’apolipoproteina B e della proteina C reattiva ad alta sensibilità.

Il riso rosso fermentato potrebbe essere una scelta terapeutica per la gestione dello stile di vita nei pazienti a basso rischio che non sono in grado di tollerare le statine o altre strategie di riduzione del colesterolo LDL.

Fonte:
Arrigo F G Cicero, Federica Fogacci, Alberto Zambon. Red Yeast Rice for Hypercholesterolemia: JACC Focus Seminar.  J Am Coll Cardiol. 2021 Feb 9;77(5):620-628.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.