Vitamine e minerali nel 2020: ancora un ruolo importante per la preservazione della salute

Arrigo F.G. Cicero
Presidente della Società Italiana di Nutraceutica (SINut)

Le vitamine sono sostanze non nutrienti contenute negli alimenti ed essenziali per il mantenimento della vita in buona salute. Sono molecole estremamente variabili per struttura chimica e funzioni, e concentrate in modo molto variabile in diversi tipi di alimenti (e talora anche nello stesso alimento, quando questo sia stato prodotto con metodiche differenti). Le vitamine spesso interagiscono con minerali (o viceversa), altre sostanze non nutrienti, per svolgere al meglio la loro funzione.

In teoria, una dieta equilibrata dovrebbe apportare tutte le vitamine ed i minerali sufficienti al mantenimento dello stato di salute. Tuttavia questo spesso non avviene.

Per quali motivi? Ce ne sono davvero molti

  • Non è semplice avere tutto l’anno un’alimentazione variata e ricca in alimenti ove vitamine e minerali siano adeguatamente concentrati. Ad esempio, la frutta fresca appena colta contiene più vitamine di quella maturata lontana dalla propria pianta.
  • I cibi cotti (specie se bolliti o comunque esposti ad alte temperature) tendono a perdere minerali (soprattutto potassio e magnesio) e vitamine (in particolare quelle del gruppo B).
  • Alcune scelte etiche (es. veganesimo), oppure dettate da condizioni cliniche possono limitare la scelta degli alimenti consumabili:
    • Anoressia nervosa (disturbo alimentare psicogeno, che porta a rifiutare il cibo per l’ossessione di ingrassare)
    • Alcune forme di malattie psichiatriche (con alterato comportamento verso nutrizione ed alimentazione)
    • Sindrome del colon irritabile
    • Celiachia (intolleranza al glutine)
    • Difficoltà di masticazione o di deglutizione
  • Infine, la vitamina D si dovrebbe formare a seguito dell’esposizione della pelle al sole, ma il lavoro e le attività extra-lavorative svolte in ambienti chiusi riducono di molto questa formazione, peraltro rallentata anche dall’utilizzo di creme e lozioni protettive verso l’effetto nocivo dei raggi ultravioletti.

D’altro lato le esigenze di vitamine e minerali possono aumentare per tanti motivi:

  • Attività fisica
  • Gravidanza
  • Accrescimento
  • Invecchiamento
  • Anoressia
  • Diarrea cronica
  • Assunzione di dosi importanti di diuretici
  • Chirurgia bariatrica (chirurgia dell’obesità)

Quale è il problema?

Oggi abbiamo a disposizione numerosi integratori a base di vitamine e minerali che possono aiutarci a bilanciare le nostre carenze.

Come assumere gli integratori di vitamine e minerali?

E’ raro che una persona abbia una carenza di una singola vitamina o minerale. I casi più frequenti sono quelli delle vitamine B12 e D. Nella maggior parte dei casi le carenze sono multiple, interessando più vitamine e/o minerali e non è necessario svolgere esami specifici per riconoscere la carenza.

Le vitamine del complesso B sono coinvolte nel corretto funzionamento del meccanismo con cui noi produciamo energia dai carboidrati.

Inoltre quasi tutte le vitamine del gruppo B sono implicate nella produzione di emoglobina (svolgendo quindi attività antianemica) e proteggono la salute dei nervi.

La vitamina C è notoriamente coinvolta nelle difese immunitarie, avendo un’azione sinergica con lo zinco.

La vitamina D è implicata nel mantenimento in salute delle ossa, ma la sua efficacia è potenziata dalla contemporanea somministrazione di vitamina K2 e calcio.

La percezione di efficacia di vitamine e minerali è poi potenziata quando gli integratori proposti contenessero anche estratti vegetali con azioni complementari agli estratti stessi.

Ad esempio, la Maca potenzia l’effetto antiastenico delle vitamine del gruppo B.

In conclusione, c’è una necessità diffusa di supplementazione con alcune vitamine o minerali, ma più frequentemente c’è bisogno della supplementazione con più vitamine e minerali in una singola dose.

I cicli di trattamento possono essere ripetuti ogni 2-3 mesi, salvo che vi sia un documentato stato carenziale.

Voci bibliografiche di approfondimento
Wallace TC, Frankenfeld CL, Frei B, Shah AV, Yu CR, van Klinken BJ, Adeleke M. Multivitamin/Multimineral Supplement Use is Associated with Increased Micronutrient Intakes and Biomarkers and Decreased Prevalence of Inadequacies and Deficiencies in Middle-Aged and Older Adults in the United States. J. Nutr. Gerontol. Geriatr. 2019 Oct-Dec;38(4):307-328. doi: 10.1080/21551197.2019.1656135. 
Blumberg JB, Bailey RL, Sesso HD, Ulrich CM. The Evolving Role of Multivitamin/Multimineral Supplement Use among Adults in the Age of Personalized Nutrition. Nutrients. 2018 Feb 22;10(2):248. doi: 10.3390/nu10020248. 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.