I vantaggi delle sostanze naturali sull’attività intestinale

L’attività intestinale può trarre vantaggio dall’utilizzo di alcune sostanze naturali:

Giuseppe Minervini
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina dello Sport, Omeopatia, Agopuntura
Referente medico c/o Medicina Riabilitativa, Istituto Ortopedico Galeazzi, Milano.

Ananas
Assunto a fine pasto, per il suo contenuto di bromelina e di papaina svolge un effetto antinfiammatorio naturale e migliora il processo digestivo, in particolare quello che riguarda le proteine animali.

La quantità di acqua di cui dispone l’ananas elimina il senso di arsura, mentre il contenuto di fibre regolarizza il transito intestinale. Nei paesi d’origine, il succo di ananas è utilizzato come rimedio contro gli avvelenamenti; ha inoltre un effetto diuretico.

Cocco
Particolarmente ricco di sali minerali preziosi (magnesio, ferro, rame, fosforo, zinco), contiene anche carboidrati, vitamine del gruppo B e le vitamine C, E, K, oltre ad aminoacidi e fibre.

Combatte il meteorismo ,migliora le difese immunitarie ed ha proprietà antiossidanti.

Zenzero
È un regolatore della motilità gastrointestinale ed ha un’azione gastro-protettiva. Aumenta la contrattilità dello stomaco, accelerandone lo svuotamento; riduce le fermentazioni dell’apparato digerente e la formazione di gas intestinali, oltre al senso di pesantezza post-prandiale.

La radice di zenzero può essere utilizzata per infuso, oppure si può centrifugare, ottenendo un succo.L

Limone
Ricco di vitamina C, vitamina B1, B2, B3, vitamina A, potassio, fosforo, manganese, ferro e rame, stimola gli enzimi digestivi (succhi gastrici, epatici e pancreatici).

Al mattino, assunto con mezzo bicchiere d’acqua calda, stimola la peristalsi; alla sera, preso come infuso insieme allo zenzero, stimola lo svuotamento gastrico e, se assunto dopo i pasti, elimina gas e fermentazioni. Il limone migliora l’assorbimento di alcuni nutrienti (es. il ferro) e diminuisce la viscosità del sangue con effetto antipertensivo.

Antipruriginoso, riduce la dissenteria provocata da malattie infettive, con un’azione antisettica, depurativa e disintossicante. Favorisce l’espulsione delle tossine acide; per la presenza di vitamina C sostiene anche il sistema immunitario ed ha un effetto battericida ed antisettico.A

Aloe 
Oltre all’effetto antinfiammatorio previene la fermentazione intestinale e regola l’evacuazione.

La pancia si sgonfia e vengono favoriti i processi di assimilazione degli alimenti.
La sua ricchezza di sali minerali determina un effetto antiossidante.

Fico
Ha effetti benefici per il sistema digestivo, grazie all’elevato contenuto di enzimi. Questi normalizzano la produzione di succhi gastrici e riducono l’infiammazione della mucosa e delle pareti intestinali. Le mucillagini del fico hanno anche proprietà lassative e sono di aiuto per la stipsi; le fibre contenute al suo interno hanno una funzione prebiotica e favoriscono la formazione della microflora batterica benefica dell’intestino.F

Finocchio
Diffuso già tra gli antichi Greci e Romani, è particolarmente indicato contro il dolore a crampi dello stomaco, accompagnato da aerofagia, eruttazioni e difficoltà digestive.

Per chi consuma i pasti frettolosamente e vive “di corsa ”, per chi vive sotto stress. La presenza al suo interno dell’anetolo gli conferisce proprietà antisettiche e sfiammanti. Svolge una valida azione anti-meteorica per la presenza di semi ricchi di oli essenziali.

Anice
Facilita la digestione, riduce l’aerofagia, impedendo la fermentazione intestinale.

Cumino
Spezia di antichissima origine, stimola la secrezione pancreatica, coadiuva nel lenire coliche e gonfiori addominali, elimina l’aria che ostacola la digestione.

Menta piperita
Esplica un’azione tonica e corroborante per lo stomaco (azione stomachica), limita la formazione ed il ristagno di gas a livello gastro-intestinale, favorendone l’espulsione dallo stomaco e dall’intestino (azione carminativa), facilita la secrezione biliare ed il suo deflusso dalla cistifellea all’intestino (azione colagoga); è antispastica. La menta piperita viene utilizzata nell’indigestione associata ad eruttazioni, nausea e bruciori, nell’aerofagia e nel meteorismo.M

Malva
Ha spiccate azione antinfiammatoria, per la presenza di mucillagini, fibre idrosolubili che si adagiano sulla mucosa infiammata; ha inoltre un’azione lassativa.

Melissa
Rilassa il sistema nervoso, riducendo gli effetti nocivi dello stress sull’apparato gastrointestinale.

È utile in caso di coliti spastiche, colon irritabile e dispepsie digestive, per la presenza di oli essenziali e flavonoidi. Viene utilizzata per depurare i tessuti intestinali, ricostruire la microflora batterica e riarmonizzare le funzioni del colon e quando si mangia in maniera pesante e frettolosa. È consigliata, in particolare, in caso di ansia, quando questa genera somatizzazioni a livello del sistema gastrointestinale.

Carota
Medica, protegge e cicatrizza le pareti dell’intestino, riequilibrando il trofismo delle cellule della sua mucosa.

Ha un’azione di regolazione della funzione intestinale (astringente, ma anche lassativa), inoltre fluidifica la bile, attraverso il suo contenuto di minerali e vitamine. La presenza del carotene la rende inoltre capace di un notevole potere di ringiovanimento dei tessuti e di rinforzo del sistema immunitario.

Genziana
Il contenuto di amarogentina, unitamente agli altri principi attivi, stimola la produzione di succo gastrico e l’attività del tubo digerente, facilitando la digestione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *