• PIVOT SALUS la prevenzione cardiovascolare a portata di tutti

    Dai dati emersi, dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, le malattie cardiovascolari rappresentano tutt’oggi la prima causa di mortalità in Italia e in Europa. In particolar modo la cardiopatia ischemica (infarto del miocardio) rappresenta il 28% di tutte le morti in Italia. Numerosi studi hanno dimostrato come la familiarità (genetica) predispone allo sviluppo di una patologia cardiovascolare, ma non bisogna dimenticarsi che negli anni sono stati identificati almeno nove fattori di rischio e comportamenti sanitari, che rappresentano oltre il 90% del rischio attribuibile all’infarto miocardico acuto. Questi fattori di rischio sono: Ipertensione arteriosa Aumento del valore di colesterolo e trigliceridi Presenza di diabete mellito Obesità Alcol Fumo…

  • Microbiota, MICI ed infezioni: ecco l’approccio multidisciplinare per malattia di Crohn e retto-colite ulcerosa

    Per le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI – IBD, Intestinal Bowel Diseases) non è mai finito il tempo della scoperta. Si scoprono nuovi target di pazienti (anche bambini potenzialmente a rischio), sintomi meno specifici, alimenti nuovi, sempre più indiziati come concause. Il ruolo del microbiota acquisisce importanza sempre crescente: una sua alterazione va prevenuta e corretta con l’assunzione costante di probiotici, post-biotici e, in casi selezionati, si ricorre al trapianto di microbiota fecale, per il ripristino della flora intestinale fisiologica. La chirurgia persegue la mini-invasività. La scoperta di nuovi farmaci biotecnologici ha migliorato moltissimo l’armamentario terapeutico, che attualmente non ne può più fare a meno, per tenere sotto controllo persistente…

  • Le nuove tecniche mininvasive del dentista 4.0

    Mini-invasività è la parola chiave dell’Odontoiatria dei giorni nostri. La professione odontoiatrica, come altri mestieri ed arti, si evolve rapidamente, al passo con i tempi.Mini-invasività significa ridotto impatto delle procedure sul paziente, ma anche miglioramento dei tempi di guarigione, diminuzione delle complicanze e riduzione degli stimoli nocicettivi (dolorosi). Mini-invasività è clinica ed anche farmacologica: la ridotta assunzione di farmaci, segnatamente gli antibiotici, è un obiettivo molto importante. L’Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che nel 2050 saranno 10 milioni i pazienti che moriranno a causa dell’antibiotico-resistenza, un’evenienza evitabile con la prescrizione saggia ed anche con l’educazione del paziente ad utilizzare strumenti e prodotti per l’ottimale gestione domiciliare della sua salute odontoiatrica.

  • S.O.S. – Smart Ostomy Support, la nuova opportunità per stomatizzati ed incontinenti

    Riparliamo volentieri di S.O.S. – Smart Ostomy Support, il progetto bottom/up che nasce dalle necessità effettive dei pazienti, che sono riusciti a coinvolgere partner tecnici, per la concreta realizzazione di un “sistema” di assistenza a distanza, a vantaggio di chi è portatore di stomia e di chi è un  ex stomizzato in fase riabilitativa, magari con residenza in zone non completamente coperte da reti assistenziali efficienti.Grazie alla tecnologia più avanzata (gamification e modello basato sullo smartworking), i pazienti riceveranno assistenza da infermieri stomaterapisti e volontari FAIS (Federazione delle Associazioni Incontinenti e Stomizzati) e saranno monitorati, secondo il modello della telemedicina (connected care).

  • Dal Senato la spinta alla cura dell’Epatite C

    Daniel Della Seta, Giornalista, Diessecom 2020 A più voci, tra Associazioni scientifiche (SIMIT, AISF, EPA C Onlus) ed Istituzioni (Camera dei Deputati, ISS), viene sostenuta la cura dell’epatite C, per arrivare alla quale sono necessarie azioni sinergiche centrali e locali.La lotta all’epatite C sarà sempre più efficace con valide strategie di screening, che mettano in luce il sommerso tra i soggetti particolarmente a rischio: sia quelli relativamente più giovani (tra i 30 ed i 50 anni di età, dediti all’uso di droghe, o ai tatuaggi), sia chi è senza fissa dimora, difficile da identificare, diagnosticare, ma anche curare e monitorare. In Italia, oggi la prevenzione rappresenta la misura più efficace…

  • SINDROME DELL’OCCHIO SECCO: SINTOMI E CURA

    Si parla spesso di “occhio secco”. Da cosa è caratterizzato?  Si tratta di una alterazione della quantità e della composizione delle nostre lacrime, il film lacrimale bagna costantemente la superficie oculare ed è fondamentale che sia in un giusto equilibrio nelle sue componenti per svolgere le sue funzioni – sottolinea il Prof. Scuderi – Modifiche sia nella composizione, che nella produzione o evaporazione creano un disagio in chi è affetto da questa patologia che, se non curata, può alterare notevolmente la qualità di vita Si tratta di un disturbo sottovalutato. È vero che colpisce tuttavia milioni di italiani sopra i 50 anni? Quali sono i numeri?  Questa è effettivamente la…

  • PER UN SORRISO SMAGLIANTE… CURIAMO LO SMALTO DEI NOSTRI DENTI

    PROBLEMATICHE DELLO SMALTO  Che cos’è l’erosione dentale? Qual è la sua diffusione? Quali problemi possono insorgere, se non è trattata?  Negli ultimi decenni si è osservato un crescente interesse per l’erosione dentale nella pratica clinica, nella salute pubblica e nella ricerca odontoiatrica. Questi i suoi numeri:  Il numero di casi è in aumento (soprattutto nell’età più giovane) e varia dal 13 al 53%  È colpito il 40% degli italiani  Nonostante i numeri elevati, questa condizione è ancora troppo sottovalutata  [Dati dell’Accademia Italiana di Conservativa (AIC)]  Aspetti clinici dell’erosione dentale: di cosa si tratta?  È una progressiva perdita di tessuto dentale duro: smalto (lo strato più esterno del dente, che lo…

  • Idratazione e nutrimento della pelle

    Il meccanismo risiede nel fatto che bassa temperatura, vento e umidità creano vasocostrizione dei capillari cutanei (come reazione per trattenere il calore) con diminuito apporto di sangue e di ossigeno e dunque ridotto trofismo dei tessuti, minor produzione del film idro-lipidico (pellicola formata da acqua e sebo che è lo “scudo” della pelle contro le aggressioni esterne), minore produzione di collagene ed elastina, due proteine fondamentali per il mantenimento del tono e dell’elasticità della pelle.  Ulteriori fattori di stress per la pelle durante l’inverno sono il passaggio dall’ambiente freddo esterno ad ambienti troppo riscaldati in casa o in altri ambienti (scuole, uffici pubblici, ospedali…), i lavaggi specie prolungati con acqua…

  • Per la salute della prostata il PSA da solo non basta…

    Il cancro della prostata è uno dei tumori più diffusi nella popolazione maschile: le stime, relative all’anno 2018, parlano di circa 35.000 nuovi casi l’anno in Italia. Stando ai dati più recenti, circa un uomo su 8 nel nostro Paese ha probabilità di ammalarsi di tumore della prostata nel corso della propria vita. L’incidenza annuale, cioè il numero di nuovi casi registrati in un anno, è cresciuta in concomitanza della maggiore diffusione del test PSA (antigene prostatico specifico, in inglese: prostate specific antigen). Il PSA è una proteina (callicreina 3) sintetizzata dalle cellule della prostata e la sua funzione è quella di mantenere fluido il liquido seminale espulso durante l’eiaculazione,…

  • Cioccolato superfood

    La pianta del cacao (Theobroma Cacao ) è una sempreverde alta fino a venti metri, originaria dell’America centrale e meridionale, che produce frutti dai quali si estraggono i semi del cacao. Nel ‘700 il celebre naturalista Linneo classificò la pianta del cacao col nome scientifico di “theobroma”, una parola di origine greca che significa “cibo degli dei”. Originaria dell’Amazonia, giunse nel Messico circa tremila anni fa. Una leggenda azteca racconta di un dio di nome Quetzalcoati, che donò agli uomini il cachuaquahitl ed insegnò loro a coltivarla; dai semi di questa pianta si preparava il nettare degli dei: il xocolatl. Il primo Europeo che conobbe il cioccolato fu Cristoforo Colombo. Fu…