Diabete in aumento. Colpito 1 milione di persone nel pieno dell’età lavorativa

LA MALATTIA DIABETICA E LE SUE COMPLICANZE. NECESSARIO L’APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE SUL DIABETE ED UNA SEMPRE PIÙ FORTE SINERGIA TRA PUBBLICO E PRIVATO “MOLTE DIAGNOSI SONO TARDIVE E SPESSO CI SI ARRIVA SOLO TRAMITE ALTRE PATOLOGIE”
Daniel Della Seta, Giornalista Radio 1 Rai

L ’approccio al diabete richiede una medicina centrata sulla persona , per la quale devono essere presi in carico, con una strategia multidimensionale, tutti i suoi bisogni di salute. Questo può avvenire se alla persona ed ai suoi familiari viene offerto un percorso che sia costruito con completezza di professioni e discipline, in grado di affrontare tutti gli aspetti clinici e le ripercussioni socio-sanitarie della malattia.

È altresì indispensabile che l’integrazione con il medico di famiglia  sia solida e ben strutturata, anche dal punto di vista digitale, per un pieno coinvolgimento del paziente.

DIABETE, NUMERI IN AUMENTO

I numeri del diabete sono in aumento in tutto il mondo e l’Italia non fa eccezione: in particolare, negli ultimi 10 anni la prevalenza del 4% nella popolazione generale è passata al 6%, limitata ai casi noti, ossia formulati dall’ISTAT e dallo studio ARNO. L’analisi ISTAT ha lasciato fuori coloro che non sono consapevoli della malattia, o che non la considerano adeguatamente.

Lo Studio ARNO, realizzato dalla  Società Italiana di Diabetologia (SID) insieme a Cineca sulla base di dati amministrativi, ha individuato quante sono le persone che assumono farmaci per diabete, che hanno esenzioni per questa patologia, o che sono state dimesse da un ospedale con (anche) questa diagnosi, superando così la percezione del paziente. “Resta tuttavia una quantità di sommerso preoccupante, stimabile attorno al 2% della popolazione che ha il diabete e non lo sa” sottolinea il prof.  Andrea Giaccari, diabetologo, Professore Associato di Endocrinologia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e Responsabile del Centro per le Malattie Endocrine e Metaboliche della Fondazione Policlinico Agostino Gemelli IRCCS.
Questo è indirettamente confermato anche dal fatto che molte diagnosi vengono fatte per patologie apparentemente non correlate alla malattia diabetica, come coloro che presentano problemi inerenti alle malattie cardiache: il 25-30% delle persone che hanno un infarto scopre di avere il diabete. Oltre alle cure, bisogna dunque individuare coloro che ne sono affetti, ma non ne sono consapevoli ”.

TERAPIE E PREVENZIONE. L’IMPORTANZA DI UN CORRETTO STILE DI VITA 

Il diabete affligge moltissimi anziani, ma moltissime persone con diabete (oltre 200 mila in questa casistica e oltre 1 milione su base nazionale)  non sono anziani e sono nel pieno dell’età lavorativa.

Per ritardare la comparsa del diabete e contrastarne la progressione, la terapia si basa su 4 pilastri fondamentali, di cui 3 non farmacologici, come spiega il Prof. Giaccari.

Oggi esistono molti farmaci per curare il diabete, ma tra questi, specie i più recenti, hanno costi elevati e gli Enti regolatori li hanno resi prescrivibili solo dagli Specialisti di Diabetologia, peraltro in maniera complessa, mediante appositi piani terapeutici. “La conseguenza è che l’Italia è fanalino di coda nell’uso di questi farmaci, non solo in Europa, ma anche rispetto a Paesi di altri continenti che hanno un’assistenza sanitaria notevolmente inferiore alla nostra, poiché altrove sono prescrivibili anche da altri specialisti o dai medici di base.
Alcuni di questi farmaci hanno anche il non trascurabile vantaggio di prevenire le malattie cardiovascolari
” evidenzia il prof. Giaccari.

L’importanza dell’alimentazione nelle malattie metaboliche ed in particolare nel diabete di tipo 2, è certamente ben nota e spesso associata alla necessità di rinunciare ai piaceri della tavola a favore di un’alimentazione sana, ma talora poco gustosa, sempre con l’obiettivo di contrastare l’iperglicemia postprandiale, come afferma il Prof. Antonio Ceriello, del Dipartimento Diabetologia – IRCCS Multimedica di Milano.

Due professori, Antonio Ceriello  e Gabriele Riccardi e il noto chef “tristellato ”, Heinz Beck , spiegano la malattia diabetica in un agile strumento di conoscenza, utile anche per scoprire come godere dei sapori della buona tavola: “Diabete & Alimentazione ”.

La nostra vuole essere una provocazione  -spiega il Prof. Gabriele Riccardi , Ordinario di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Università Federico II di Napoli – perché con questo libro non parliamo più di dieta, ma di vero e proprio stile di vita. Ormai, per combattere e prevenire il diabete, non servono più sacrifici e imposizioni restrittive, ma semplicemente accortezza e cibi sani. Un cambio di approccio, questo, che non solo aiuta l’alimentazione, ma migliora anche l’umore del paziente, che riesce quindi ad affrontare con serenità il proprio stato “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *