Riprendi il controllo della tua vita

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha messo in evidenza la relazione aggravante tra alcol e coronavirus: l’alcol irrita le mucose e le rende più permeabili all’ingresso del virus attraverso la gola; indebolisce la risposta immunitaria; deprime i centri del respiro favorendo una malattia più grave.

L‘Istituto Europeo per il trattamento delle Dipendenze (IEuD) riceve informazioni quotidiane sullo stato delle dipendenze in Italia: le richieste di aiuto hanno avuto una impennata in questi tempi di reclusione forzata. Costrette in casa dall’epidemia di coronavirus, molte persone cercano il sostegno necessario per liberarsi dai condizionamenti di alcol, droghe, gioco d’azzardo, patologie affettive, decidendo di riprendere in mano la propria vita. L’alcolismo è una delle dipendenze più pericolose perché trova nella solitudine e nell’isolamento terreni fertili per svilupparsi.

Emanuele Bignamini, Direttore del Comitato Scientifico di IEuD afferma “L’alcol, oltre che un veleno, è anche una sostanza che dà dipendenza. Gli effetti piacevoli che l’assunzione di alcol procura, possono provocare l’abitudine a bere, che può essere favorita anche da fattori genetici o da difficoltà personali indotte da conseguenze psicologiche, sociali, relazionali. Da queste, facilmente, si può passare a una vera dipendenza. Ma di alcol si può anche morire, come accade per altre droghe, e le crisi di astinenza possono a volte essere fatali“.

In Italia le persone cosiddette “a rischio” di alcolismo sono stimate in più di 8.500.000, il 14% della popolazione. Sono a rischio le persone che assumono più alcol del dovuto (la quantità massima che si può bere in sicurezza per la salute corrisponde a 2 bicchieri di vino al giorno per le donne e 3 per gli uomini), oppure bevono in situazioni in cui dovrebbero evitarlo, o che hanno ogni tanto problemi in conseguenza di un’assunzione eccessiva di alcol (dal litigio violento, dato che l’alcol rende più irascibili, al malore, all’incidente stradale: quasi l’8% degli incidenti vede coinvolto un ubriaco alla guida), che hanno conflitti in famiglia, o che hanno difficoltà sul lavoro a causa del bere.

IEuD è un Istituto all’avanguardia per il trattamento delle dipendenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *