• Malattia da COVID-19: Domande e Risposte sui vaccini – Risponde l’Organizzazione Mondiale della Sanità

    Esiste un vaccino per COVID-19? Non ancora. Molti potenziali vaccini sono allo studio e diversi grandi studi clinici potrebbero riportare i risultati entro la fine del 2020 o all’inizio del 2021. Se un vaccino si è dimostrato sicuro ed efficace, deve essere approvato dalle Autorità regolatorie nazionali, quindi prodotto secondo standard rigorosi e successivamente potrà essere distribuito. L’OMS sta lavorando con partner in tutto il mondo per aiutare a coordinare le fasi chiave di questo processo. Una volta che un vaccino sicuro ed efficace sarà disponibile, l’OMS lavorerà per facilitare un accesso equo per i miliardi di persone che ne avranno bisogno. Quando saranno pronti per la distribuzione i vaccini…

  • Fimp, dalla dieta mediterranea un aiuto contro sviluppo di molte patologie

    Nel corso del XIV Congresso nazionale Fimp (Federazione Italiana Medici Pediatri),  Raffaella De Franchis ha presentato i risultati di uno studio recentemente  condotto dal gruppo  Alimentazione e Nutrizione della Fimp  da cui “emerge con forza l’importanza della dieta mediterranea, per il benessere complessivo del bambino, ma anche per evitargli lo sviluppo di patologie come la celiachia o il morbo di Crohn e altre malattie infiammatorie croniche come diabete, obesità, malattie degenerative e tumori, tutte patologie in drammatico aumento nei bambini. Un approccio che interviene inoltre nel determinare la costituzione del microbioma intestinale corretto, quello che la persona si porterà avanti tutta la vita“. “La dieta mediterranea – ha aggiunto Mattia…

  • La carenza di vitamina D può aumentare il rischio di COVID-19

    Un recente studio retrospettivo ha mostrato che gli individui che sono carenti di vitamina D possono essere a maggior rischio di contrarre il coronavirus rispetto a quelli con sufficienti livelli. La vitamina D è importante per la funzione del sistema immunitario; gli integratori di vitamina D hanno già dimostrato di ridurre il rischio di infezioni virali del tratto respiratorio. Fonte:David O Meltzer,  Thomas J Best , Hui Zhang, et al.Association of Vitamin D Status and Other Clinical Characteristics With COVID-19 Test Results.  JAMA Netw Open. 2020 Sep 1;3(9):e2019722.

  • pexels-photo-4031867.jpeg

    Vaccinazione antinfluenzale e COVID-19

    Nella popolazione italiana, il tasso di copertura della vaccinazione antinfluenzale nelle persone di età pari o superiore a 65 anni è associato a una ridotta diffusione e ad un’espressione clinica meno grave di COVID-19. Questi dati sembrano sostenere il concetto che la vaccinazione contro un microrganismo possa influenzare la risposta dell’ospite ad altri agenti infettivi. Fonte:Amato M, Werba JP, Frigerio B, et al.Relationship between Influenza Vaccination Coverage Rate and COVID-19 Outbreak: An Italian Ecological Study. Vaccines (Basel). 2020 Sep 16;8(3):E535. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32947988/

  • Micronutrienti e COVID-19

    E’ ben chiaro che i micronutrienti (vitamine e sali minerali) non curano l’infezione COVID-19, ma l’OMS ricorda che i micronutrienti, come le vitamine D e C e lo zinco, sono fondamentali per il buon funzionamento del sistema immunitario e svolgono un ruolo di grande importanza nel promuovere la salute e il benessere nutrizionale. Fonte:https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/advice-for-public/myth-busters

  • Contro COVID-19 oltre alla mascherina anche gli occhiali

    L’uso di occhiali potrebbe essere protettivo contro COVID-19.Infatti indossare occhiali riduce al minimo il contatto con gli occhi, diminuendo così potenzialmente la trasmissione del virus. FonteW Zeng, X Wang, J Li, Y Yang, X Qiu, P Song, J Xu, Y Wei.Association of Daily Wear of Eyeglasses With Susceptibility to Coronavirus Disease 2019 Infection. JAMA Ophthalmol. 2020 Sep 16;e203906.

  • Linee guida canadesi: obesità malattia cronica complessa

    L’obesità è una malattia cronica complessa in cui il grasso corporeo anomalo o in eccesso (adiposità) danneggia la salute, aumenta il rischio di complicazioni mediche a lungo termine e riduce la durata della vita. L’eccessiva adiposità, infatti, può predisporre l’individuo allo sviluppo di molte complicazioni mediche, come: • Diabete di tipo 2; • Malattia della colecisti; • Steatosi epatica non alcolica; • Gotta. Il grasso corporeo in eccesso è un’importante fonte di adipocitochine e di mediatori dell’infiammazione che possono alterare il metabolismo del glucosio e dei grassi, causando un aumento dei rischio cardiometabolico e di cancro, e riducendo quindi di 6-14 anni l’aspettativa di vita. L’obesità aumenta il rischio dei…

  • honey on white bowl

    Il miele per le infezioni delle vie aeree superiori

    L’arte della medicina consiste nel divertire il paziente mentre la natura cura la malattia. (Voltaire) La prescrizione di antibiotici è percepita dai genitori come un potente trattamento per il loro bambino, anche se il trattamento è inappropriato e non funziona per le infezioni virali. Se un prodotto come il miele è poco costoso e sicuro, con prove di benefici terapeutici, allora dovrebbe essere incoraggiato. Una precedente revisione Cochrane aveva già riscontrato  i benefici del miele nei bambini con tosse, ma questa revisione sistematica più recente voleva valutare se avesse effetto anche su gli altri sintomi in tutte le fasce d’età. Sono stati esaminati quattordici studi con comparazioni rispetto al placebo.…

  • L’Uncaria utile nella prevenzione dei sintomi associati a COVID-19

    Il numero di pazienti COVID-19 è ancora in crescita esponenziale in tutto il mondo a causa dell’elevata trasmissibilità del virus SARS-CoV-2. In questa revisione, vengono discussi alcuni integratori che potrebbero svolgere un ruolo nella profilassi o nel miglioramento dei sintomi associati a COVID-19. L’Uncaria tomentosa  possiede alcaloidi indolo e ossindolo, glucosinolati, flavonoidi, steroli, carboline e acidi grassi polinsaturi, che conferiscono attività immunostimolanti, antiossidanti e antinfiammatorie. Queste sostanze, pertanto, potrebbero fornire un ruolo benefico nella prevenzione o nel miglioramento dei sintomi associati a COVID-19. Fonte:Ferreira AO, Polonini HC, Dijkers ECF. Postulated Adjuvant Therapeutic Strategies for COVID-19. J Pers Med. 2020 Aug 5;10(3):E80.

  • Mangiare moderatamente cioccolato una volta alla settimana protegge il cuore

    Una metanalisi condotta da ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston (Texas) ha  recentemente evidenziato che mangiare cioccolato almeno una volta settimana riduce dell’8%  il rischio di malattia coronarica (CAD). L’effetto protettivo sarebbe conseguente alle molte sostanze benefiche contenute nel cacao, tra le quali le metilxantine, i flavonoidi, i polifenoli e l’acido stearico. Fonte:Chayakrit Krittanawong, Bharat Narasimhan,Zhen Wang, Joshua Hahn, Hafeez Ul Hassan Virk, Ann M Farrell, HongJu Zhang, Wh Wilson Tang. Association between chocolate consumption and risk of coronary artery disease: a systematic review and meta-analysis. Eur J Prev Cardiol. 2020 Jul 22; 2047487320936787.